Ab Aeterno

LOST 6X09: Ab Aeterno

 

 

        Who are you?

        My name is Jacob. I'm the one who brought your ship to this Island.

        You brought us here? Why?

        [picks up the bottle of wine] Think of this wine as what you keep calling hell. There's many other names for it too: malevalence, evil, darkness. Here it is, swirling around in the bottle, unable to get out because if it did, it would spread. The cork [raises cork] is this Island and it's the only thing keeping the darkness where it belongs. That man who sent you to kill me believes that everyone is corruptable because it's in their very nature to sin. I bring people here to prove him wrong. And when they get here, their past doesn't matter.

        Before you brought my ship, there were Others?

        Yes, many.

        What happened to them?

        They're all dead.

        But you brought them here. Why didn't you help them?

        Because I wanted them to help themselves. To know the difference between right and wrong without me having to tell them. It's all meaningless if I have to force them to do anything. Why should I have to step in?

        Because if you don't, he will.

[ Jacob pauses for a moment, taking Richard's words into consideration]

        Do you want a job?

        A job?

[ Jacob nods]

        Doing what?

        Well, I don't want to step in. Maybe you can do it for me. You can be my representative and intermediary between me and the people I bring to the Island.

 

 

Per una qualsiasi divinità benevola o approssimativamente tale, che voglia aiutare gli esseri umani senza costringerli (perché altrimenti It's all meaningless), ci sono solo tre possibilità.

Può farsi da parte e sperare che ce la facciano da soli. Ma così finisce sempre allo stesso modo, cioè male. “It always ends the same”.

Allora può scegliere qualcuno tra loro e dargli un incarico di fiducia, per assistere tutti gli altri. Un rappresentante, un intermediario, un profeta, un unto. Questo dà maggiori possibilità, ma ancora non c’è garanzia di successo: anche gli intermediari e i profeti cadono, falliscono, magari tradiscono. Può capitare. È accaduto in passato, anche oggi, e accadrà di nuovo e poi di nuovo. Come si diceva in un’altra eccezionale serie tv, “Tutto questo è già successo e succederà ancora”. Perchè la verità è che quell’uomo vestito di nero non ha torto: “everyone is corruptable because it's in their very nature to sin”. È proprio così. Non nella nostra natura per come doveva essere, ma nella nostra natura come è: corrotta. Tutti cadono. Tutti sbagliano. Tutti abbiamo il peccato nel dna, compresi i profeti. Dentro ognuno di noi ci sono la luce e l’oscurità, il bianco e il nero, e il risultato sono tante diverse gradazioni di grigio, e quell’uomo vestito di nero se ne approfitta. L’oscurità si diffonde. E gli uomini preferirono le tenebre alla luce.

 

E allora non resta che una sola possibilità. Bisogna entrare direttamente nella storia, agire in prima persona. Step in: camminare dentro qualcosa, intervenire, entrare dentro. Proprio con i piedi, con un corpo. Non più come un’entità astratta, benevola e però remota e nascosta; ma fisicamente, concretamente, tangibilmente. Con un corpo, dico: carne e sangue. Anche sporcandosi se necessario, fino a farsi male, a soffrire, a sanguinare. Morire. Perché nessun essere umano da solo può confutare quell’uomo vestito di nero. L’unico che potrebbe farlo sarebbe uno che fosse umano, sì, ma anche incorruttibile: più che umano. Quello sarebbe l’unico che potrebbe guarire la natura umana, dare scacco matto al male, illuminare l’oscurità e diradare il fumo. Questa è l’unica estrema possibilità che resta.

Ma per incamminarsi lungo questa strada, per poter fare quell’inaudito passo dentro la storia, non basta essere una qualsiasi divinità benevola o approssimativamente tale: bisogna proprio essere Dio.

 

 

 

P.S.: a quanto pare, assolvere dai peccati è un atto che richiede un potere maggiore del dare l’eterna giovinezza: difatti Jacob può fare la seconda cosa ma non la prima. Cfr Lc 5, 17-26.

 

P.P.S.: ho sbagliato ancora una volta: l’episodio finale di LOST non si intitolerà It Only Ends Once, come avevo pronosticato, ma semplicemente… The End !

Annunci

30 responses to “Ab Aeterno

  • utente anonimo

    "Ma per incamminarsi lungo questa strada, per poter fare quell’inaudito passo dentro la storia, non basta essere una qualsiasi divinità benevola o approssimativamente tale: bisogna proprio essere Dio."Per poter giustificare il non-intervento divino, bisogna dunque che Dio sia "benevolo" e non "buono". Non è una sconfitta?IlCensore

  • ClaudioLXXXI

    Scusa ma non ho assolutamente capito la domanda.

  • Hayalel

    Sai per caso quando manderanno l'ultima serie sulla rete nazionale?

  • Hayalel

    Sai per caso quando manderanno l'ultima serie sulla rete nazionale?

  • FedericoFasullo

    Spoiler alert (non penso serva dirlo)Io ho sempre sostenuto che Lost è la perfetta parabola cristiana. L'ultima puntata della scorsa serie Linus di fronte a Jacob che gli chiede perché non gli abbia mai dato udienza nonostante lo avesse chiesto di continuo, alla fine ha smesso di credere e lo ha tradito. Questa puntata poi è stata il massimo: "io non voglio interagire mentre il tizio vestito di nero sarà sempre lì a tentarli" dice grossomodo.Voglio un'altra puntata, ora!Saluti!

  • ClaudioLXXXI

    Penso che sarà molto presto. Considera che Fox sta mandando l'adattamento italiano dell'episodio pochi giorni dopo che in America è andato in onda l'originale – per il nostro paese è una rivoluzione culturale – e la trasmissione in chiaro non dovrebbe tardare. L'ultimo episodio di LOST sarà il 23 maggio (ancora non riesco a capacitarmene…), probabilmente sulla RAI passeranno la sesta stagione verso giugno o luglio.

  • ClaudioLXXXI

    Indubbiamente LOST presenta molti spunti cristiani, soprattutto questa sesta stagione che sta premendo molto sul versante mistico soprannaturale (il libero arbitrio, la difficoltà di credere in una divinità che non si fa mai vedere, l'interscambiabilità dei buoni con i cattivi e viceversa).D'altra parte sarebbe riduttivo limitare LOST al cristianesimo, ci sono anche tantissimi altri spunti: il pantheon egizio (la statua!), la dharma orientaleggiante… le stesse figure di Jacob e il Man in Black assomigliano più a dei o semidei nel senso pagano del termine, che ad angeli o comunque esseri soprannaturali nell'ottica cristiana (che poi l'uomo nero dice che una volta era umano, ma vai a capire se è la verità o l'ennesima manipolazione psicologica).LOST è complesso, non può essere ridotto a un solo punto di vista (senza per questo essere relativista, non direi proprio), ed è bellissimo. Sicuramente non è perfetto, qualche cazzata in 6 anni l'hanno fatta pure loro, ma è la cosa migliore che abbia mai visto in televisione e se penso che tra meno di due mesi sarà tutto finito mi viene l'angoscia!

  • nihilalieno

    Una traduzione aiuterebbe i poveri analfabeti … ho capito il succo, ma magari la polpa aggiunge qualcosa.

  • cinas

    no.c'è una quarta possibilità e cioè che esista un Dio perfettamente onnipotente e perfettamente buono che escluda il male ab origine e che non sia, quindi, quel demiurgo in cui tanti credono.

  • FedericoFasullo

    Infatti più di angeli o quant'altro io mi riferivo proprio a Lost come parabola, o meglio come allegoria della filosofia cristiana. Che poi in sostanza risulti un buon miscuglio di… un po' tutto era chiaro, solo che mi pare ci sia una corrente predominante ecco 😛 Pensare che finisca presto mi mette un po' angoscia, soprattutto perché se tornassi a riguardarlo dall'inizio troverei tutti i misteri che nn risolveranno mai sicuramente e mi prenderebbe ancor più sconforto.u.u

  • ClaudioLXXXI

    Hai ragione Nihil ma non volevo essere troppo spoileroso… rimedio qui.SPOILERIl dialogo si svolge tra Richard, un uomo che è naufragato sull'isola, e Jacob, il benevolo e tuttora enigmatico personaggio "soprannaturale" che regge l'isola e che è avversato da un misterioso “uomo” vestito di nero, idem soprannaturale, che sembra spaventosamente malvagio (anche se potrebbe avere certe sue ragioni, visto che in LOST non è così facile distinguere i buoni dai cattivi!)Chi sei?Mi chiamo Jacob. Sono stato io a portare la tua nave su quest'Isola.Sei stato tu a portarci qui? Perche'?[Jacob agita una bottiglia di vetro che aveva in mano, contenente del vino] Immagina che questo vino sia quello che tu continui a chiamare "Inferno". Ma ha anche molti altri nomi… Malevolenza, Malvagita', Oscurita'… E guardalo come si agita nella bottiglia, incapace di uscire. Perche' se ci riuscisse, si diffonderebbe. Il tappo e' quest'Isola. Ed e' l'unica cosa che tiene l'oscurita' al proprio posto. Quell'uomo [l’uomo in nero] crede che tutti siano corruttibili, perche' il peccare fa parte della loro natura piu' intima. Io porto qui delle persone per dimostrare che si sbaglia. E quando arrivano qui… il loro passato non conta. Prima di portare qui la mia nave ci sono state altre persone?Si', molte altre.E cos'e' successo loro?Sono morti tutti.Ma se li hai portati tu qui, perche' non li hai aiutati?Perche' volevo che lo facessero da soli. Volevo che capissero la differenza tra giusto e sbagliato senza che fossi io a dirglielo. NON HA SENSO SE DEVO COSTRINGERLI IO A FARE LE COSE. Perche' dovrei intervenire?Se non lo fai tu, lo fara' lui. [si riferisce all’uomo in nero][Jacob è palesemente colpito da queste parole e sta un attimo a pensare]Lo vorresti un lavoro?Che cosa? Un lavoro? Cosa dovrei fare?Beh, IO NON VOGLIO INTERVENIRE. Forse potresti farlo tu al posto mio. Tu puoi essere il mio rappresentante e intermediario tra me e le persone che porto sull'Isola.Adesso Nihil non ti posso spiegare tutto tutto il telefilm, ma considerato quello che combinano in seguito le persone portate sull’isola e le persone portate da quelle persone eccetera, tra bambini rapiti e frecce infuocate e così via, pare proprio che anche questo approccio non è che funzioni più di tanto!La verità è che l’uomo in nero non ha torto: gli esseri umani sono corruttibili, tutti quanti. Se Jacob voleva confutarlo, avrebbe dovuto proprio intervenire in prima persona, tu e io sappiamo come. Ma questo Jacob non voleva e non poteva farlo, non è mica Dio (più avanti Richard gli chiede di assolverlo dai propri peccati e Jacob gli dice “non ho il potere di farlo”).

  • utente anonimo

    #8E' ovviamente un'idea affascinante, a cui spesso ho pensato anche io. Mi domando pero' se un simile universo con un simile Dio avesse qualche possibilita' di sussistere, o se invece collasserebbe dopo un po di tempo.Ottima trama per un romanzo di science-fiction utopica-distopica…ci vorrebbe un bravo scrittore pero', uno alla Philip K. Dick.Claudio, te la senti?-AleX

  • ClaudioLXXXI

    No :-Dho già abbastanza carne da cucinare, una bistecca di questo tipo è fuori dalla mia portata.cinas il problema della tua ipotesi è che quel dio è simile a un bambino che gioca con i soldatini, li muove di qua e di là, i soldatini fanno solo quello che vuole lui e basta, non possono sgarrare, tutto perfetto, tutto buono per forza.Ma è così bella la vita del soldatino?FF #10secondo me s'inventano qualcosa, tipo una serie a fumetti, non tanto per etica degli sceneggiatori quanto perchè la ABC non mollerà così facilmente la gallina dalle uova d'oro… (anche considerato che FlashForward si è rivelato, uhm, come dire, una cazzata colossale)

  • nihilalieno

    Grazie, caro.Non mi ricordo più …. hai letto le Cronache di Thomas Covenant? Io ci ho fatto la tesi per il Magistero in scienze religiose. Stesso tema, forse ti piacerebbero.

  • Faber18

    Condivido l'entusiasmo per una serie strepitosa. Gli si perdona anche la figura del sacerdote che nega l'assoluzione a Ricardo (teologicamente incomprensibile). Ma ovviamente è una trovata funzionale al racconto.Buona Pasqua!P.S: Qual'è il tuo personaggio preferito di Lost? A me è piaciuta da morire la puntata su Sayd, è simpatico anche quando uccide…

  • cinas

    Claudio, un Dio perfettamente buono e perfettamente onnipotente potrebbe rendere – essendo per l'appunto onnipotente – bellissima la vita del soldatino in modi che a noi, esseri finiti e NON onnipotenti, neanche ci vengono in mente.(Sempre mi stupisce come questo Dio cattolico in cui voi credete assomigli al Demiurgo).

  • ClaudioLXXXI

    Nihil #13Le Cronache di Covenant? Non so neanche cosa siano, ma se ne parli tu, probabilmente sono interessanti. Cercherò!Faber #14Infatti il pretastro ha fatto una cosa clamorosamente e palesemente indegna: si capisce che era in combutta con l'ufficiale della nave (che infatti lo paga!), ha detto quelle cose a Ricardo per predisporlo ad accettare il suo destino di schiavo di Magnus Hanso.Mi hai fatto una domanda da un milione di punti: ce ne sono molti, direi che il mio preferito in assoluto è Ben, che è forse quello in cui mi riconosco di più (sorpreso?). Seguono Desmond, Faraday, Sun & Jin, Rose & Bernard, Juliet, Jack quando non è troppo aggiusto-tutto-io, Locke nei momenti carismatici, Analucia e Mr. Eko. Ah già, mi piacciono molto anche le new entry Jacob e il suo mefistofelico avversario. 

  • ClaudioLXXXI

    Postilla: girovagando per la rete a leggere i forum in cui si commentano le puntate di Lost (ne seguo qualcuno, anche se ormai raramente ho tempo per intervenire), sono rimasto impressionato da come questa puntata – che moltissimi hanno trovato bellissima – abbia provocato decine e decine di pagine di conversazioni in cui gli utenti stanno a discutere di libero arbitrio, bene e del male, Dio e Satana. Non sempre con esiti che sottoscriverei, ma si evince che l'argomento prende parecchio.Lost non è un surrogato di catechesi e non è neanche un telefilm cristiano, però offre innegabilmente parecchi spunti di riflessione.

  • ClaudioLXXXI

    cinas il tuo stupore non mi stupisce: se per te esistono solo due possibilità, il demiurgo e un dio che predetermina totalmente gli esseri umani, è chiaro che il Dio cattolico è molto meno lontano dal primo che dal secondo. Perchè il Dio cattolico, in certo senso, non è onnipotente, perlomeno non secondo quel genere di onnipotenza.Mi viene in mente un paradosso che ho letto da qualche parte, uno di quei giochi per esercitare la mente: se Dio è onnipotente, allora può creare un masso così pesante che neanche lui può sollevarlo?secondo te cinas?

  • ClaudioLXXXI

    A proposito, la miglior risposta che si può trovare su internet al paradosso:Dio non può, Chuck Norris invece può, e dopo solleva anche il masso e lo spacca a calci rotanti, e Dio e la logica non hanno proprio niente da obiettare.

  • OsteriaVolante

    Ciao Claudio,visto che passerò Pasqua fuori casa ti faccio ora tantissimi auguri! Ci sentiamo presto!

  • noradlf

    Buona Pasqua, Claudio.Umberta

  • cinas

    certo che può.e può fare anche l'opposto.

  • ago86

    Cinas, hai una logica impeccabile.

  • utente anonimo

    veder richiamata in causa BSG mi commuove.il tappo che impedisce al male di diffondersi.pià bello di quello che temevo.paolo

  • ClaudioLXXXI

    Complimenti a paolo che ha riconosciuto la citazione della frase "tutto questo è già successo e succederà ancora".Oh gente non è che sono scomparso, è solo che tra varie incombenze professionali ho pochissimo tempo, ma nella mia lista di cose da scrivere c'è anche un post sul finale di Battlestar Galactica e l'anaciclosi di Polibio.

  • utente anonimo

    come dicevo dalle parti nostre…. grazie caludio.Cerca Claudia Jean Cregg.E scoprirai (perchè evidentemente ancora non l'hai fatto) un'altra celebre serie da vedere.Assolutamente

  • utente anonimo

    claudio,sei informato, vero, del super mega spoilerone finale in onda su Macchianera?con fotocopie della sceneggiatura della puntata finale?http://www.macchianera.net/2010/05/01/scoop-macchianera-pubblica-6-pagine-della-puntata-finale-di-lost/tutto vero, dicono!Paolo CJ

  • ClaudioLXXXI

    Paolo, con un epico sforzo di volontà mi sono astenuto dal leggere quello spoiler. Non posso fare una cosa del genere e rischiare di rovinarmi la fine di Lost. Non posso. Non posso.A proposito di CJC: West Wing? La vedrò.

  • utente anonimo

    anche io mi sto astenendo… ma senza tanto sforzo, fortunatamente.ce l'ho lì, salvata da parte per quando sarà tutto finito.su West Wing, già dalla prima puntata della prima stagione c'è un testa a testa fra uno dei protagonisti e rappresentanti della destra cristiana americana.da antologia.E la religione ed il rapporto fra politica e religione (tra le tante cose) permea tutta la serie.Paolo

Ciao. Se vuoi commentare, accomodati. Non c'è bisogno di nome o e-mail, non c'è approvazione preventiva, no censura. Hai il libero arbitrio e io lo rispetto, anche se potresti usarlo male. Ricorda però che la libertà implica la responsabilità. Se sei un troll, ignorerò i tuoi commenti - a meno che tu non faccia un flood. Se pensi che quel che dico è sbagliato, fammelo notare. Attenzione però, perchè chiunque tu sia, se non sei d'accordo con me, proverò a convincerti del contrario. Qui il dialogo non sono belle chiacchiere per scambiarsi "secondo me" e sentirsi più buoni e tolleranti: qui il dialogo serve a cercare, trovare, amare la Verità.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: